Salta al contenuto principale

Hitachi

Hitachi Systems CBT

Intervista su “F” a Claudia Ciampi, nostra CISO e Corporate Social Responsability Manager

Claudia Ciampi racconta la propria esperienza in qualità di CISO e Corporate Social Responsability Manager di Hitachi Systems CBT alla rivista “F”, in un’intervista nel quale si vuole indagare il ruolo delle nuove Guardiane del Web – così come vengono definite dal settimanale stesso.

 


LEGGI L’INTERVISTA

Cosa hai studiato? 
Mi sono laureata in Legge nel 1998 con la prima tesi in informatica giuridica (il tema era la firma digitale e l’internet banking). Poi ho seguito un Master in Diritto informatico.

In cosa consiste il tuo lavoro? 
Attualmente ricopro il ruolo di Chief Information Security Officer in Hitachi System, una società che fornisce servizi informatici a grandi aziende tra cui ospedali ed enti pubblici. Mi occupo di strategie aziendali di cyber sicurezza e della valutazione degli incidenti. Inoltre, coordino le comunicazioni e i rapporti con le Autorità. Sono l’unica donna in Italia a ricoprire questo ruolo.

Quali sono le ultime minacce?
Il 2017 è stato un anno record per virus e attacchi hacker e il 2018 non sarà da meno. Oggi i bersagli preferiti sono i dispositivi chiamati Internet of Thing (IoT), ossia oggetti collegati alla rete (per esempio, il braccialetto fitness): sono strumenti in grado di raccogliere tantissimi dati, per questo fanno gola agli hacker.

Come ci si difende?
Bisogna minimizzare i rischi: la questione, infatti, non è “se” si subirà un attacco ma “quando“. La strategia di sicurezza deve basarsi su prevenzione, rilevazione e risposta all’attacco mitigandone i danni.

Nel privato che strategie adotti?
Non scrivo informazioni importanti nelle e-mail. Sono abituata così in azienda, dove inviamo e-mail con pdf criptati (per aprirli c’è bisogno di password). Ed evito di usare la mia carta di credito online.

A quali progetti vorresti collaborare?  
Ho un sogno: fermare le azioni belliche, per esempio colpendo i sistemi informatici delle centrali
nucleari per renderle inutilizzabili. Ma l’esperienza nel settore mi porta a considerare sempre i due lati della medaglia: se si sabotano i sistemi di controllo, quelli di emergenza non sarebbero in grado di rilevare (e comunicare) eventuali situazioni di pericolo, con incalcolabili pericoli per le vite umane.

 


Per maggiori informazioni, contattateci presso marketing@hitachi-systems-cbt.com

ARGOMENTI

Award big data BNova Career Case Study CEO Certificazioni Cisco CISO Cloud Clusit Community Cyber Crime Cyber Security digital transformation EasyCloud EasyShield Education EIM GDPR hitachi HR Information Technology Innovation insurance Intervista IoT Master News oracle Partnership Pentaho PR Security Sicurezza Informatica Sponsorship Umana Valoritalia WebRainbow Wine ZeroUno